Piorreaimg

Piorrea

Piorrea o parodontite: cause, sintomi e rimedi in farmacia

La Malattia parodontale, o volgarmente conosciuta come piorrea, è un'infiammazione degenerativa del parodonto, ovvero tessuto di sostegno del dente: gengive, legamento parodontale e osso alveolare. Si manifesta generalmente come un peggioramento della gengivite e, se non adeguatamente trattata, porta alla perdita dei denti. Dalle ultime ricerche è emerso che nel mondo circa 743 milioni di persone soffrono di parodontite, colpendo prevalentemente gli adulti sopra i 30 anni. Si stima, infatti, che sia la sesta malattia più diffusa al mondo.

Che cos'è la Parodontite?

La Parodontite è una malattia infettiva batterica che interessa i tessuti parodontali che assicurano sostegno e stabilità ai denti. Inizialmente l'infiammazione attacca le gengive e successivamente sono interessati i tessuti più profondi, ovvero legamento parodontale e osso alveolare che sono a loro volta danneggiati fino a provocare un aumento della mobilità degli elementi dentari con conseguente perdita degli stessi. Pertanto, il primo sintomo che allarma il paziente affetto da parodontite è proprio l'aumento della mobilità dentale . In presenza di una cattiva igiene orale, i germi si accumulano sulle superfici dentali con formazione di placca che evolve lentamente in tartaro. Le tossine, gli enzimi ed i metaboliti prodotti da questi batteri penetrano nelle gengive. Un momento determinante della malattia è rappresentato dalla formazione di una tasca parodontale, una superficie a ridosso della radice del dente dove si è perso il sigillo biologico della gengiva e all'interno della quale i batteri alloggiano e scatenano il processo infiammatorio. La gengiva, quindi, diventa sofferente e appare gonfia ed arrossata. In caso di rimozione della placca e del tartaro, il tessuto infiammato è riportato alla normalità. Se, invece, si assiste ad una retrazione gengivale anche l'osso viene aggredito, con formazione di ascessi locali e tasche sempre più profonde, fino alla caduta spontanea del dente. Sono fasi che presentano un decorso lento e spesso non dolorose (asintomatiche): per tale ragione, si tende ad accorgersi della parodontite troppo tardi.

Quali sono le cause della Parodontite?

Le principali cause della parodontite sono la placca e il tartaro che si formano nel cavo orale a causa di una scorretta e irregolare igiene dentale. Altri fattori che possono causare la parodontite sono:

  • fumo di sigaretta;

  • diabete;

  • abbassamento delle difese immunitarie che alterano la capacità dell’organismo di combattere l’azione e la proliferazione dei batteri;

  • incostanza nei controlli periodici e nelle sedute di igiene regolari dal dentista o dall’igienista;

  • alterazioni ormonali;

  • protesi e otturazioni incongrue;

  • carenza di vitamine.

Recentemente è stata osservata una correlazione tra la parodontite e fattori ereditari, soprattutto nelle forme a incidenza precoce e più aggressive. Inoltre, le persone con la parodontite possono andare più facilmente incontro a patologie cardiache.

Quali sono i sintomi della Parodontite?

Il principale sintomo della parodontite è il sanguinamento gengivale, presente inizialmente sotto stimolo e successivamente in maniera spontanea. Altri sintomi precoci che permettono di individuare il problema sono:

  • alitosi: il cattivo odore spesso proviene dalle tasche parodontali dove si accumulano placca e tartaro;

  • dolore e difficoltà durante la masticazione;

  • sensibilità al caldo e/o al freddo;

  • ascessi e gonfiori delle gengive.

Vi sono poi dei sintomi definiti tardivi, quali:

  • sanguinamento severo;

  • alitosi marcata;

  • comparsa di spazi tra i denti;

  • recessione gengivale associato a volte a forti dolori;

  • pus e ascessi tra denti e gengive;

  • eccessiva mobilità dentale.

La gravità è data dalla profondità dell’infiammazione della gengiva che in alcuni casi coinvolge anche l’osso.

Come prevenire la Parodontite?

La prevenzione è di fondamentale importanza nel combattere la parodontite che nelle fasi iniziali è praticamente asintomatica. È importante, dunque, sottoporsi a controlli periodici dal dentista, generalmente ogni sei mesi, per sottoporsi all’igiene dentale per rimuovere placca e tartaro (maggiori responsabili della piorrea). Altri consigli utili nel prevenire tale infiammazione sono:

  • pulizia dei denti con dentifricio e spazzolino dopo ogni pasto, almeno tre volte al giorno;

  • utilizzo del filo interdentale almeno una volta al giorno per migliorare la pulizia dei denti;

  • astensione dal fumo: infatti le tossine contenute nel fumo possono favorire l’azione lesiva-corrosiva esercitata dai batteri a livello dei denti.

Dedicare almeno due minuti per spazzolare i denti, costituisce un rimedio utile, seppur banale, per prevenire l’insorgenza della parodontite.

Quali sono i trattamenti e i rimedi efficaci contro la Parodontite?

La parodontite può essere curata secondo diverse modalità, la cui scelta dipende dalla gravità della condizione. Allo stato iniziale è possibile curarla attraverso la rimozione di placca e tartaro o effettuare procedure di scaling (pulizia sottogengivale) per la rimozione del tartaro sottogengivale. Nelle forme in cui la patologia si trova in stadi più avanzati bisognerà ricorrere alla devitalizzazione del dente: attraverso questo intervento viene rimossa la polpa dentale infiammata per tutta la lunghezza delle radici e vengono riempiti i canali con dei materiali appositi. Conclusa la devitalizzazione il dente non sarà più infiammato e la piorrea sarà debellata definitivamente. È possibile anche ricorrere alla chirurgia parodontale quando la pulizia profonda delle radici dentali non è sufficiente a combattere l’infiammazione. La scelta della tecnica adeguata ovviamente dipende da diversi fattori, fra cui gravità della malattia, sede di infiammazione e tipologia del riassorbimento osseo. Per quanto riguarda le terapie farmacologiche sono spesso utilizzati:

  • farmaci antibiotici per controllare le infezioni batteriche gengivali;

  • antibatterici a base di clorexidina, utilizzati sia per la cura delle gengiviti sia come coadiuvanti nel trattamento della parodontite.

Anche prodotti fitoterapici possono rappresentare un valido aiuto per velocizzare la guarigione o alleviare i sintomi della parodontite. È bene ricordare, però, che questi rimedi naturali non possono in alcun modo sostituire le cure dentistiche e la terapia farmacologica prescritta necessari per eradicare i batteri e l’infiammazione stessa. Tra i principali rimedi naturali vi sono:

  • aloe vera (gel): applicata direttamente sulle gengive. Presenta attività antinfiammatorie e lenitive;

  • equiseto: presenta proprietà emostatiche contro il sanguinamento delle gengive;

  • propoli: miscela resinosa prodotta dalle api. Se applicata a livello dei denti svolge funzioni antibatteriche e cicatrizzanti;

  • olio essenziale di melaleuca (tea tree oil): possiede proprietà antimicrobiche e antinfiammatorie. Può essere applicato direttamente sulle gengive o utilizzato diluito come collutorio per un'azione lenitiva e disinfettante.


Prezzo attuale: 7,18 € Prima era: 8,90 €

In offerta

-19%

72
Prezzo attuale: 4,13 € Prima era: 5,99 €

In offerta

-31%

27
Prezzo attuale: 6,14 € Prima era: 6,20 €

In offerta

-1%

138
Prezzo attuale: 4,49 € Prima era: 6,99 €

In offerta

-36%

21
Prezzo attuale: 6,84 € Prima era: 8,20 €

In offerta

-17%

31
Prezzo attuale: 1,32 € Prima era: 2,19 €

In offerta

-40%

223
Prezzo attuale: 2,71 € Prima era: 3,99 €

In offerta

-32%

3
Prezzo attuale: 4,97 € Prima era: 8,40 €

In offerta

-41%

29
Filtri attivi
Rimedio: Piorrea
Rimedio: Piorrea